Santa Maria Valleverde
punti

Santa Maria Valleverde

  • Giorni di chiusura: Sabato

Le origini di S. Maria Valleverde risalgono alla metà del 1400, nel panorama della diffusione in Abruzzo del movimento francescano dell'Osservanza. La chiesa con annesso convento dei "Riformati" di S. Giovanni da Capestrano fu voluta dal conte di Celano Lionello Acclozamora e da sua moglie Iacovella. Il complesso fu portato a termine nel 1503 e nominato Sanctae Mariae de Vallevirdi. Il convento, annesso alla chiesa fu soppresso nell'ordine agli inizi del 1800 e dopo il sisma del 1915 fu interessato da un importante cantiere di restauro.
La facciata della chiesa presenta un portale di scuola aquilana con lesene laterali. Al centro spicca l' Agnus Dei con stendardo triangolare segnato dallo stemma dei Piccolomini e la data incisa sopra la cornice: A. D. M. CCCC. VIII. La lunetta presenta invece un affresco cinquecentesco con iconografia della Madonna con Bambino tra i santi Francesco e Giovanni da Capestrano. 
All'interno dell'edificio vi sono tre importanti cappelle laterali. La prima mostra l'iconografia di S. Pietro e Paolo, la seconda con affresco di S. Antonio da Padova e la terza relativa a scene con "storie della Vergine".  Nel centro della navata, antecedente il presbiterio vi è una scalinata che immette nella sottostante cripta, detta "del Paradiso". All'interno di essa troviamo numerosi affreschi a scene multiple(vedi Gallery).

M. Davide

English: 
The church of Santa Maria Valleverde annexed with the convent of the "Riformati of San Giovanni" from Capestrano, represents one of the most importan example of the Franciscan renaissance style of all Marsica. Created by the request of the counts of Celano, it was built by Maria of Aragon, the countess of Amalfi and the wife of Antonio Piccolomini.
This fifteenth-century building is introduced by a Romanesque portal and a lunette shaped frescoed of "Madonna con Bambino tra St. Francesco e St. Giovanni da Capestrano" and the Agnus Dei with the symbol of the Piccolomini family.
The interior with a singol corridor, presents three chapels on the left, one of wich is frescoed with the "Storie della Vergine" and dates back to 1558. The wooden body and the vault signed with the symbol of the Aragonesi family are extremely valuable. The crypt is frescoed with the seven scenes of the Passion of Christ, one of which "Christ going towards Calvary" is attribuited to Sodoma. In the courtyard leading to the convent, there is a statue of Saint Francis with some lunette shaped frescoes. With a notable and remarkable refectory, on the upper floor of the convent there is a library full of books and ancient manuscripts. While in the area to the front of the church there is a museum with sacred furnshings and vestments.

Read more: www.camminodifrancescoetommaso.it

Per approfondire: scheda del monumento, notes

Copyright Wave Tour - Tutti i diritti riservati - Kweb di A. Orsini - P.I. 02415060694